Dilatano la cervice e rimuovono delicatamente il tessuto rimanente.

Dilatano la cervice e rimuovono delicatamente il tessuto rimanente. Ci sono anche farmaci che puoi assumere che fanno sì che i tessuti rimasti nell’utero lascino il tuo corpo. Questa potrebbe essere un’opzione migliore se si desidera evitare un intervento chirurgico.

Se è più tardi nella gravidanza e il feto è morto nell’utero, il medico indurrà il travaglio e il parto.

Quando l’emorragia si ferma, dovresti essere in grado di tornare alle tue normali attività. Se la tua cervice si è dilatata da sola ma sei ancora incinta, potresti avere una condizione nota come cervice incompetente. Il medico potrebbe eseguire una procedura per chiuderlo chiamata cerchiaggio.

Se il tuo gruppo sanguigno è Rh negativo, il medico può somministrarti un prodotto sanguigno chiamato immunoglobulina Rh (Rhogam). Questo ti impedisce di sviluppare anticorpi che potrebbero danneggiare il tuo bambino o eventuali future gravidanze.

Potresti ricevere esami del sangue, test genetici o farmaci se hai avuto più di due aborti consecutivi (aborto spontaneo ricorrente). Per diagnosticare questa condizione, il medico potrebbe utilizzare test come:

Ecografia pelvica Isterosalpingogramma, una radiografia dell’utero e delle tube di Falloppio Isteroscopia. Il medico usa un sottile dispositivo simile a un telescopio inserito attraverso la vagina e la cervice per guardare all’interno dell’utero

Se hai avuto due aborti di fila, usa una forma di controllo delle nascite e parla con il tuo medico dei test per trovare la causa

Sintomi a seguito di un aborto spontaneo

Sanguinamento e lieve disagio sono sintomi comuni dopo un aborto spontaneo. Se hai forti emorragie con febbre, brividi o dolore, contatta immediatamente il medico. Questi possono essere segni di un’infezione.

Oltre agli effetti fisici, potresti anche provare una serie di emozioni, dalla tristezza e il senso di colpa al dolore e alla preoccupazione per le gravidanze future. Quello che senti è normale. Lasciati addolorare.

Se sei all’altezza, parla con le persone nella tua vita che sono di supporto come il tuo partner, un amico o un familiare. Puoi anche parlare con un consulente professionista per la salute mentale. Anche i gruppi di supporto per la perdita della gravidanza possono essere una risorsa preziosa per te e il tuo partner. Chiedi al tuo medico per ulteriori informazioni su queste risorse. E ricorda che ognuno guarisce a un ritmo diverso e in modi diversi.

Continua

Gravidanza dopo un aborto spontaneo

Puoi rimanere incinta dopo un aborto spontaneo. Almeno l’85% delle donne che ne hanno uno continua ad avere gravidanze e parti normali. Avere un aborto spontaneo erogan opinioni non significa avere un problema di fertilità. D’altra parte, circa l’1%-2% delle donne può avere aborti ripetuti (tre o più).

Se hai avuto due aborti di fila, dovresti smettere di provare a concepire, usare una forma di controllo delle nascite e chiedere al tuo medico di fare dei test per capire cosa sta causando gli aborti.

Quando provare a concepire dopo un aborto spontaneo?

Discutete con il vostro medico i tempi della vostra prossima gravidanza. Alcuni esperti dicono che dovresti aspettare un certo periodo di tempo (da un ciclo mestruale a 3 mesi) prima di riprovare. Per prevenire un altro aborto spontaneo, il medico può suggerire un trattamento con progesterone, un ormone che aiuta l’impianto dell’embrione e supporta l’inizio della gravidanza nell’utero.

Prendersi del tempo per guarire sia fisicamente che emotivamente dopo un aborto spontaneo è importante. Soprattutto, non incolpare te stesso. La consulenza è disponibile per aiutarti a gestire la tua perdita.

Prevenzione dell’aborto spontaneo

La maggior parte degli aborti avviene perché c’è un problema con la gravidanza. Non puoi prevenirli. Se il medico esegue i test e trova un problema, potrebbero essere disponibili opzioni di trattamento.

Se hai una malattia, curarla può migliorare le tue possibilità di una gravidanza di successo. Un passo che puoi fare è diventare il più sano possibile prima di provare ad avere un bambino:

Fai esercizio fisico regolare. Segui una dieta sana ed equilibrata. Mantieni un peso sano. Evita le infezioni. Non fumare, bere alcolici o assumere droghe illegali. Riduci la caffeina. Riferimento medico WebMD Recensito da Arefa Cassoobhoy, MD, MPH il 28 luglio 2020

Fonti

FONTI:

La marcia delle monetine.

Istituto Nazionale della Salute.

Medico di famiglia americano: “Perdita di gravidanza precoce”.

Mayo Clinic: “Aborto spontaneo”.

Stanford Children’s Health: “Far fronte all’aborto spontaneo”.

Associazione per l’aborto: “I tuoi sentimenti dopo l’aborto”.

Di Tommy: “Prevenire l’aborto”.

FamilyDoctor.org: "Sanguinamento all’inizio della gravidanza."

Clinica di Cleveland: "Cattiva amministrazione."

BambiniSalute: "Cattiva amministrazione."

Manuale Merck: "Cattiva amministrazione."

eMedicineHealth: “Aborto spontaneo”.

Presto sarà il momento di presentare il tuo peloso, squamoso o piumato "bambino" al tuo nuovo bambino umano!Come probabilmente avrai intuito, è probabile che sia un grande aggiustamento per Mittens o Rocco. Hanno avuto la maggior parte della tua attenzione per molto tempo. Come puoi aiutarli ad adattarsi e imparare ad amare la nuova aggiunta, mantenendo il tuo bambino al sicuro?

Ci sono una serie di cose che puoi fare per rendere più facile la transizione.

Prepara il tuo animale domestico per le immagini, i suoni e gli odori di un nuovo bambino. Prima che il bambino nasca, riproduci periodicamente i suoni dei rumori del bambino in casa e introduci una bambolina dall’aspetto realistico che tu "prendersi cura di" che l’animale possa vedere. Potresti sentirti un po’ strano, ma fai finta di cambiare il bambino, mettilo nella nuova culla e nel passeggino. Dopo che il bambino è nato, invia una coperta che è stata usata per avvolgere il bambino a casa dall’ospedale con un familiare o un amico. Possono permettere al tuo animale di annusarlo e abituarsi al profumo del bambino. Ma mai lascia che mettano in bocca la bambola o la coperta. Insegna le buone maniere al tuo animale domestico. Se non hai portato il tuo cane all’addestramento all’obbedienza, ad esempio, all’inizio della gravidanza è il momento di farlo. Una delle regole più importanti che devono imparare: niente salti! Potresti non preoccuparti dei loro salti avidi e bavosi, ma anche un salto amorevole può ferire un neonato. Se permetti ai tuoi animali domestici di salire sui mobili, è tempo di stabilire una nuova regola per tenerli lontani. Mettere un animale domestico all’altezza degli occhi di un bambino aumenta la possibilità di lesioni. Riposizionare letti e lettiere con largo anticipo. Se il letto o la lettiera del tuo animale domestico deve essere spostato in base a dove il bambino dormirà o giocherà, fallo molto prima che il bambino sia dovuto a casa, così il tuo animale domestico avrà il tempo di adattarsi e non assocerà il bambino allo spostamento . Mettere da parte "tempo di qualità." È un dato di fatto che non avrai molto tempo per il tuo animale domestico una volta che il bambino torna a casa. Quindi pianifica in anticipo e assegna momenti specifici della giornata in cui trascorrerai del tempo concentrato giocando e prestando attenzione ai tuoi animali domestici. Trova il tempo per l’esercizio. Se pensi di non essere in grado di dare al tuo animale domestico l’esercizio di cui ha bisogno, specialmente in quelle prime settimane esauste, prendi in considerazione l’assunzione temporanea di un pet sitter o di un dog sitter. Affronta i problemi in anticipo. Se vedi comportamenti problematici dal tuo animale domestico, anche piccoli segni di aggressività, come ringhiare; comportamento maleducato o gioco rude; o ignorando i comandi: è il momento di intervenire presto prima che diventi un pericolo. Se lavori con loro ora, e magari chiedi l’aiuto di un addestratore di obbedienza, dovresti essere in grado di eliminare i problemi prima che arrivi il tuo bambino. Gestisci con attenzione le presentazioni. Idealmente, tu dovresti salutare il tuo animale domestico per primo quando entri dalla porta dopo aver avuto il bambino, e chiedi a un amico o un altro familiare di portare il bambino dentro. Quindi puoi lasciare che il tuo animale domestico, o animali domestici, "incontrare" il bambino (uno alla volta se c’è più di un animale). Se ci sono segni di un problema, separali portando il bambino fuori dalla stanza. Non punire il tuo animale domestico, ma se noti un’aggressione, contatta un professionista. Tieni un animale stressato lontano dal bambino. Se il tuo animale mostra segni di stress, come respirazione rapida, ritmo, scatto o pelliccia o piume arruffate, è tempo di isolarlo dal bambino. Conosci il particolare del tuo animale domestico "segnali di problemi" e mantieni una separazione sicura se vedi quei segni. Dai al tuo animale domestico uno spazio senza bambini. Per quanto il tuo animale domestico e il tuo bambino possano crescere amandosi, proprio come gli umani, gli animali domestici hanno bisogno del loro spazio. Mai, mai, mai (abbiamo detto mai? MAI!) lasciare un neonato o un bambino da solo con il tuo animale domestico. Non importa quanto il tuo animale domestico sia gentile, dolce, ben addestrato, piccolo o pigro, è pur sempre un animale. Gli animali sono imprevedibili e possono ferire o addirittura uccidere neonati, neonati e bambini in una frazione di secondo. Non vale il rischio.

Se prendi tutte queste precauzioni, sei sulla buona strada per costruire una relazione felice tra il tuo bambino e i tuoi animali domestici.

Riferimento medico WebMD Recensito da Neha Pathak, MD il 19 marzo 2021

Fonti

FONTE:

Associazione umanitaria americana: "L’animale domestico incontra il bambino!"

Quando si tratta di germi, non si tratta solo del bagno. La cucina è la stanza più ricca di germi della casa. Dai piani di lavoro al lavello, dai taglieri al frigorifero, la cucina pullula di miliardi di microrganismi.

Ma puoi affrontare quei cattivi germi di cucina che si nascondono dove prepari i pasti della tua famiglia. Ecco alcuni punti caldi della cucina e suggerimenti su come pulirli.

L’oggetto da cucina più germinale?

Spugna da cucina. Questo è probabilmente l’oggetto più pieno di germi della tua casa. È usato per assorbire tutti i tipi di germi e sporcizia e quindi spesso conservato sotto il lavandino, un luogo umido e buio che è un ambiente perfetto per la crescita dei batteri.

Gli esperti sottolineano che quando usi una spugna in tutta la cucina – pulendo piatti, banconi o il lavandino – stai solo spostando i germi da un punto all’altro. Mentre lo zapping della spugna nel microonde eliminerà alcuni germi, non li eliminerà tutti. Ci sono punti morti dove le microonde o il calore non raggiungono, come i punti freddi nel cibo, e i germi sopravvivono lì.

Anche lavare una spugna in lavastoviglie non è sufficiente per uccidere i germi, a meno che non si disponga di un ciclo germicida ad alta temperatura. In alternativa, puoi usare della carta assorbente o un panno pulito; assicurati di usare il panno solo una volta e poi gettalo nel bucato. Se usi le spugne, puoi immergerle tra una pulizia e l’altra in una soluzione non più di 1 tazza di candeggina per 1 litro d’acqua o aceto e acqua. Immergili nella soluzione di candeggina per circa 5 minuti o nella soluzione di aceto per 20-30 minuti. Risciacquare accuratamente e lasciare asciugare all’aria.

Altri punti caldi in cucina

Contatori. Spruzzare una soluzione di aceto al 10% sui banconi eliminerà contemporaneamente molti germi del bancone della cucina. Mantieni la superficie bagnata per 30-60 secondi, quindi pulisci. Tieni borse, valigette, portavivande, chiavi, posta e dispositivi elettronici come i telecomandi fuori dai ripiani perché pullulano di germi.

Taglieri. È una buona idea avere un tagliere per carne cruda, pollame e frutti di mare e un altro per prodotti e pane. Disinfetta i taglieri immergendoli in aceto puro o in una soluzione di candeggina non più di 1 tazza di candeggina in 1 litro d’acqua per circa 30 minuti. Quindi sciacquare abbondantemente con acqua calda e sapone o metterli in lavastoviglie. L’uso della sola lavastoviglie non è sufficiente per igienizzare.

Continua

Frigorifero. La refrigerazione non uccide i batteri, ne rallenta solo la crescita. Più apri e chiudi la porta del frigorifero, maggiore è la possibilità che si formi della muffa. Di tanto in tanto, lava tutte le superfici del frigorifero, comprese griglie e cassetti, con una soluzione di aceto. Lava spesso la maniglia della porta del frigorifero con una soluzione di candeggina.

Pavimento. I pavimenti della cucina possono essere soggetti a cadute di cibo, succhi di carne cruda, sporcizia, bambini che strisciano e animali domestici, tra le altre cose. Usare la stessa soluzione di candeggina che usi per pulire i taglieri fornisce una buona sanificazione, ma assicurati di risciacquare accuratamente e lasciare asciugare all’aria se bambini e animali domestici saranno sul pavimento. Potresti chiedere alle persone di togliersi le scarpe quando entrano dalla porta, soprattutto se stanno per essere in cucina.

Lavastoviglie. Vedi un fungo nero sulla guarnizione intorno alla porta della tua lavastoviglie o all’interno della tua lavastoviglie? Può essere Exophiala dermatitidis, un fungo che ama il calore elevato ed è resistente alla maggior parte dei detersivi. Strofina via con una pasta di aceto e bicarbonato di sodio. Mentre sei in lavastoviglie, versa un paio di tazze di aceto sul fondo ed esegui un ciclo per uccidere altri germi difficili.

Smaltimento rifiuti. I tritarifiuti sono convenienti, ma sono anche pericolosi per i germi in cucina, dicono gli esperti. Qualsiasi cibo rimasto può marcire e generare germi. Almeno una volta alla settimana, usa un pennello e la soluzione di candeggina per strofinare il più possibile nello smaltimento.

Cestino. Assicurati di tenere un coperchio sul bidone della spazzatura. Non solo impedisce agli odori di diffondersi, ma può anche impedire agli insetti di atterrare nei batteri e di diffonderli nel resto della casa. Non basta sostituire solo il sacco della spazzatura. Una volta alla settimana, versa la soluzione di candeggina nella lattina, soprattutto se c’è odore, macchia o sostanza all’interno. Lascia riposare il liquido per qualche minuto e poi versalo nel lavandino. Sciacquare il cestino e lasciarlo asciugare all’aria.

Continua

Maniglie. Quando ti muovi in ​​cucina, apri gli armadietti, il frigorifero o la porta della dispensa per afferrare gli ingredienti mentre cucini, puoi diffondere germi tra le maniglie. Pulisci le maniglie dell’armadio e delle porte del frigorifero almeno una volta alla settimana con la soluzione di candeggina per uccidere i microrganismi.

Non farti sopraffare dalla pulizia della cucina. Quando affronti i germi della cucina, pulisci prima le aree che sembrano sporche. Sbarazzarsi della muffa nel frigorifero e della polvere sui ripiani, per esempio. Quindi igienizzare e disinfettare.

Riferimento medico WebMD Recensito da Dan Brennan, MD il 10 dicembre 2019

Fonti

FONTI:

Donna Duberg, assistente professore di scienze cliniche di laboratorio, Saint Louis University.

Tierno, P. La vita segreta dei germi, Atrio, 2001.

Philip M. Tierno, direttore di microbiologia clinica e immunologia, New York University Langone Medical Center.

Servizio di ispezione e sicurezza alimentare USDA: "Taglieri e Sicurezza Alimentare."

4 giugno 2021 – Con l’ascesa delle cicale Brood X negli Stati Uniti orientali quest’estate, sono apparse online ricette, tra cui cicale di popcorn piccanti e cicale ricoperte di cioccolato. Se sei allergico ai crostacei, però, potresti voler evitare quei piatti, dice la FDA.

“Sì! Lo dobbiamo dire! Non mangiare #cicale se sei allergico ai frutti di mare poiché questi insetti condividono una relazione familiare con gamberetti e aragoste”, ha pubblicato mercoledì la FDA su Twitter.

La FDA si è anche collegata alla sua risorsa sulle allergie alimentari per fornire maggiori informazioni. Le allergie ai crostacei sono tra le allergie più comuni negli Stati Uniti, insieme a quelle al latte, alle uova, alla frutta a guscio, alle arachidi, al grano e alla soia.

Le tipiche allergie ai crostacei sono legate a crostacei come gamberetti, aragoste e granchi, secondo Forbes, così come a molluschi come ostriche, vongole, capesante e calamari. I sintomi possono includere crampi alla pancia, diarrea, orticaria, indigestione, nausea e senso di costrizione alla gola. Variano da lievi a gravi, a volte portando a una reazione di tutto il corpo chiamata anafilassi che richiede un trattamento immediato con epinefrina.

Le cicale Brood X, che stanno emergendo quest’anno durante un ciclo regolare di 17 anni, appartengono al gruppo di creature degli artropodi e sono considerate parenti dei crostacei. Secondo il New York Times, quest’anno vengono preparati da chef professionisti e buongustai dilettanti in una varietà di piatti.

Le cicale non mordono o pungono e non sono tossiche.