Havana 4_11_08   9.00


Lenzuola di cartone, un orologio che batte i secondi, succo d´arancia, due fette di pane, un pezzo di burro, wurstel, cafè con leche, leche solo, puzza di piedi, puzza di sudore, il sole dalle persiane, cani che abbaiano, il quartiere della Playa, la casa di Jorghe Valdes Bosh, casa particular.

Vedrai Centro Habana, sembra una città appena bombardata, dicono sembri Beirut, ma io Beirut non l’ho mai vista, neanche in televisione, sentenzia Jorghe.

Poco più tardi, Centro Habana. Il sole brucia gli orizzonti e anche le prospettive, l’Havana brucia sotto il sole di novembre, tutto brucia e tutto si consuma, rimane la cenere, un soffio di vento la spazza via
———
NB Iscriviti alla newsletter, avrai la foto a schermo intero.

0 0 votes
Article Rating
Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments