Camminatori di tutto il mondo unitevi.

Chi cammina è una presenza la cui più profonda ispirazione è quella che indicava Chief Seattle, capo della tribù amerindia degli Suquamish: «Portar via solo ricordi e lasciar nient’altro che ombre.»

 Camminare, una rivoluzione, Adriano Labbucci, 150 p – 2 ore 15 minuti

In questi tempi di crisi imperante e corse sfrenate verso non si sa dove, di tecnicismi esasperati, di progressi e sviluppi, Adriano Labbucci, ci dice che non rimane altra scelta che ritornare a camminare, perché:

«Non c’è nulla di più sovversivo, di più alternativo al modo di pensare oggi dominante»

E se oggi, voi giovinastri, volete ragionare di libertà e uguaglianza, resistenza e bellezza è al camminare che dovete guardare.

E allora camminatori irrequieti di tutto il mondo unitevi!

P.S. Per gli appassionati, nel libro c’è un bel capitolo dedicato a Bruce Chatwin

P.P.S. Ok, direte, 150 pagine non sono troppe per questa rubrica, ed io vi dico – il formato è così piccolo e il carattere così grande che lo leggerete nel tempo di una passeggiata al chiar di luna!

Federico Tamburini

pubblicato per la prima volta su finzionimagazine.it

0 0 votes
Article Rating
Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments