Corea del Sud, Olanda ed altre facezie

Non siamo la Corea del Sud

2
883

corea-olandaIn questi tempi di Covid-19 si sente ripetere -con rammarico- che “non siamo la Corea del Sud”, prendendo il suddetto Stato come fulgido esempio, da parte di una “democrazia compiuta”, della lotta (vincente) contro il virus.
Per curiosità ho voluto controllare alcuni parametri che giudico importanti per confrontare il nostro Paese a quello dell’Estremo Oriente.

Tasso di suicidi ogni 100 000 abitanti (fonte OMS):
Corea del Sud: 28,5 (secondo posto al mondo dopo la Groenlandia)
Italia: 5,85 (67° posto al mondo).
Aspettativa di vita (fonte OMS):
Italia: 82,7 anni (6° posto al mondo)
Corea del Sud: 82,3 anni (11° posto al mondo).
Settimana lavorativa (fonte The Post Italia e altri):
Corea del Sud: 52 ore settimanali (fino a marzo 2018 erano 68)
Italia: 40 ore alla settimana (estensibili ad un massimo di 48 sotto forma di straordinario).
Giorni di ferie pagate in un anno (fonte Corriere della Sera):
Corea del Sud: 15 (+ 15 di feste nazionali non obbligatori per legge, concessi a discrezione del datore di lavoro).
Italia: minimo 20 + 11 di feste nazionali per un totale di 31.
Felicità (secondo il World Happiness Report delle Nazioni Unite):
Italia al 36° posto nel mondo
Corea del Sud non compare nei primi 50

Già, non siamo la Corea del Sud. Purtroppo o per fortuna?

* * *

Ancora sulla Corea del Sud.

Parlano di questo Paese come di una democrazia, ma uno Stato che fa lavorare i suoi cittadini 68 ore alla settimana come hanno fatto là fino a due anni fa, ma anche “solo” 52 ore come oggi, non può essere definito una democrazia.
Possono avere, come hanno, libere elezioni; possono avere, come hanno, libertà di stampa; ma quando trova un coreano il tempo, la voglia e l’energia per approfondire i temi che gli permetterebbero di formarsi una opinione politica da esprimere con un voto consapevole?

* * *

Ma quanti vicini che ho!

“Siamo sempre stati al fianco degli Italiani e oggi continuiamo a lavorare ogni giorno per esservi ancora più vicini…” (pubblicità ENEL)
“In questi giorni abbiamo imparato molte cose […] a restare uniti, superando le distanze” (pubblicità Esselunga”)
“Le difficoltà si superano insieme ….” (pubblicità UBI Banca)
“… improvvisamente siamo diventati tutti uguali. O forse ci siamo solo avvicinati …” (pubblicità AXA)
“Oggi possiamo stare vicini anche restando a casa” (pubblicità Paribas)
“Lavoriamo insieme. Impariamo insieme. Rock insieme. Giochiamo insieme … (il tutto col sottofondo di Come Together dei Beatles: pubblicità Vodafone)

Non ho mai avuto così tanta gente che dichiarava di essermi vicino come quando mi è toccato di stare distante da tutti.

* * *

Viva la FCA!

FCASegnalo la nuova campagna pubblicitaria di FCA.
In uno spot, dopo aver esaltato la forza, l’orgoglio e il coraggio di essere italiani, termina con la scritta “NOI CI SIAMO”. Seguono i logo delle case afferenti al gruppo
In un secondo si afferma che “il vero motore dell’Italia sono gli Italiani” e termina con la scritta “Ripartiamo dell’Italia. Ripartiamo dai prodotti italiani”.
Un terzo, che confesso ho visto solo di sfuggita, dice più o meno che il Gruppo ha deciso di produrre le Jeep in Italia perché gli Italiani sono forti e così via.

Ma se “ci sono” (o ci fanno?), se amano così tanto l’Italia e gli Italiani, perché pagano le tasse in Olanda?
Forse hanno sbagliato indirizzo.
Che cambino il navigatore!

* * *

O l’Olanda…

I giornali riferiscono che l’Olanda capeggia il gruppo dei “duri e puri” della parità di bilancio che si rifiutano di fare prestiti all’Italia e a altri Paesi in difficoltà economiche.
Qualcuno si è mai chiesto di come sarebbe il bilancio olandese se quello Stato non facesse operazioni di pirateria fiscale facendo pagare alle imprese straniere (di cui molte italiane e sicuramente una delle più importanti), che scelgono colà il proprio domicilio fiscale, tasse irrisorie rispetto a quelle che dovrebbero pagare nei loro paesi?
E quale sarebbe il bilancio italiano se tante grandi aziende (italiane e non) pagassero in Italia le tasse sui guadagni che fanno nel nostro territorio?

Robert BlakeIl meccanismo, tra l’altro, è poco lineare: inizialmente uno Stato attira aziende con le tasse basse; pian piano le aziende straniere col pagamento delle loro tasse diventano sempre più importanti per il bilancio di quello Stato. A quel punto esse possono essere così forti da riuscire a influenzare le politiche (soprattutto fiscali) di quello Stato con la minaccia di spostare le loro sedi altrove.

Ci vorrebbe un novello Robert Blake (ammiraglio inglese che sconfisse i pirati barbareschi) per fare un po’ di pulizia nel mondo fiscale e finanziario d’Europa.

0 0 vote
Article Rating
Notifiche
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Adam
Adam
19 Maggio 2020 11:29

Come sempre “intriganti” i pensieri in libertà di Norman. Giudicare tuttavia il tasso di democrazia di un paese in ragione delle ore lavorabili ed ai giorni di ferie mi pare un po’ azzardato. Innanzitutto una prima precisazione va fatta in ordine alla differenza tra ore lavorate e ore lavorabili; in alcuni paesi infatti le ore effettivamente lavorate, in presenza del pagamento “in nero” delle prestazioni straordinarie o festive, risultano essere di gran lunga superiori alle ore lavorabili. Altro elemento riguarda il tasso di morbilità: se infatti le ore lavorabili per legge per ipotesi fossero 100 e il tasso di morbilità… Leggi il resto »

Virginia
Virginia
18 Maggio 2020 15:51

Sempre geniale Norman.