Niente orrore nell’errore Gli errori non stanno nelle parole, ma nelle cose.

Ecco il piccolo cuore che batte lungo tutte le storie di questo libro molto bello, percorso dalle illustrazioni e dai segni inconfondibili di Bruno Munari, tra errori di ortografia che portano un’acua che non è più potabile, e un Giocondo Corcontento che si arrabia sempre con una b sola, così nessuno si offende, nessuno se la prende.

La grazia di fare errori che diventano storie, è la grazia con cui Rodari ha insegnato a partire dalla vita e alla vita tornare con molta energia, forza, voglia di imparare, necessità di capire e molta ironia, con cui la penna rossa è così rossa solo perché una raffica di vento le ha alzato la gonna un momento.

Se questo ben nutrito libro di errori entrasse qualche volta a scuola, credo non farebbe nessun male, anzi – bisogna correggere i dettati, ma bisogna soprattutto correggere il mondo.

Un oratore

 Una piccola folla si radunava nella piccola piazza.

-Che cosa vendono? – domandò il professor Grammaticus.

-Niente, – gli rispose un tipaccio. – C’è un comissio!

-Comissio? Con due esse? Ma allora sarà un discorso tutto sbagliato … chi deve parlare?

-Il tale.

-Ah, mi pareva! Un fascista! Allora tutto è chiaro.

E il professor Grammaticus si allontanò, scuotendo la polvere dai suoi pantaloni.


Il libro degli errori

Gianni Rodari
Einaudi Ragazzi, Torino
Pagg. 198 / € 11,50

0 0 votes
Article Rating
Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments