Sindaco M5S a ParmaSolo un politico poteva chiudere gli occhi di fronte alla botta che stava per arrivare a Parma, quindi non me la sento di dire che l’avevo previsto, era troppo facile. Tuttavia avevo doverosamente titolato con il punto interrogativo.
Ora comincia una fase davvero nuova per tutto il paese, con un eletto del M5S che dopo avere metaforicamente schiaffeggiato il Pd e la sinistra (la destra era già stata azzerata al primo turno) si appresta a fare il sindaco. Incredibile fino a pochi mesi fa. Potere della crisi della politica o meglio dell’antipolitica dei partiti.
Il cavallo di battaglia del neo sindaco Pizzarotti – bella faccia, buona capacità a parlare ai microfoni – era scontato: “lotta all’inceneritore” (nei sogni, guarda caso, del Pd).
Chi è così insano da andare a votare per uno che ti vuole fare l’inceneritore perché così le solite cricche ci mangiano sopra e poi l’aria la respiri tu? E alla luce di questo: chi ha fatto antipolitica a Parma con l’ultima giunta di destra che ha portato il deficit del Comune a 600 milioni?

Vi lascio con una interessante lettera di Andrea Zucchi che mi pare perfetto pendant ai dubbi che Pizzarotti (comunque in bocca al lupo) dovrà fugare nei prossimi anni.
Ecco perché penso sia presto per togliere i punti interrogativi.
Intanto… in bocca al lupo.

Pereira

Caro Pereira,
penso che questo post fra i suoi sia il più illuminato di sempre.
Sono totalmente d’accordo ma anche preoccupato. Di cosa? Di quello che sta succedendo.
Abbiamo già un’esperienza viva di cosa sia venuto dopo la caduta della prima repubblica, spazzata via da Tangentopoli e dal pool di mani pulite di Di Pietro: Berlusconi.
A cosa è servito spazzare via Dc-Psi-Pci ? Solo a piazzarci Berlusconi per un ventennio. C’è qualcuno che pensa che siano stati spazzati via i vecchi sistemi loschi e affaristici? Guardate un pò i tesorieri di oggi, e Finmeccanica, ed ho pure ragione di pensare che esiste ancora qualcosa come Gladio.

Grillo rappresenta un problema enorme, ed ammetto di avere proprio paura di quanto sta accadendo. E si badi, combatto PD+e-L e le loro trame, anche nella mia città, da prima che nascessero le 5 Stelle.
Il problema è proprio questo. Le cose che dice Grillo le dice chiunque abbia fatto politica, seria in una certa area, da sempre. La maggior parte delle sue affermazioni sono semplicemente ambientaliste. Tutti gli ambientalisti, dai Verdi ai Rossi, sono per le ciclabili, o contro gli inceneritori, o contro il nucleare etc… da sempre.
Chiunque abbia una coscienza civica e faccia politica, senza essere invischiato in affari poco puliti, pretende ad esempio la trasparenza. Anzi, forse Grillo avrà detto anche questo, ma ritengo da sempre che la rivoluzione più grande d’Italia verrebbe dall’obbligare tutti, pubblico e privati, a pubblicare online bilanci trasparenti e dettagliati. Sarebbe la fine degli sprechi e della corruzione. Game over. In un attimo avremmo estirpato il tumore che affligge questo paese.
Ed invece Grillo batte sulle spese elettorali, la cui eliminazione avrebbe l’effetto di provocare quanto detto sopra tanto bene da Pereira. Chi mai, senza avere una lobby dietro, o la Casaleggio&C. di Grillo, potrà mai più fare politica? Chi avrà i soldi per fare vere liste civiche indipendenti? I rimborsi elettorali basterebbe darli equivalenti semplicemente alle spese sostenute per una campagna elettorale, fine. Con gli scontrini da mostrare! Grillo sta scavando un vuoto incolmabile, che non sono in grado di riempire i suoi discepoli, tutta gente per bene, onesta, ma spesso dalla preparazione incompleta ed approssimativa, come dice Pereira.
Ma ovviamente non ho niente contro i grillini, avendone anche fatto parte ai tempi del primo V-Day. E’ Grillo stesso che mi preoccupa. Servirà solo ad abbattere il marciume? Magari! O ha intenzione di aprire un vuoto, che sarà in grado di riempire solo chi ha mezzi potenti come lui?
La questione dirimente che sta distruggendo l’Italia, oltre alla trasparenza, è quella economica, ovvero la cessione di sovranità all’Europa dei banchieri. Ed anche qui mi pare che Grillo attacchi troppo poco, e troppo in ritardo. Poche volte compare il fiscal compact nei suoi discorsi, e solo da quando Lega, IDV e pochi altri ne hanno identificato il problema.

Chiudo suggerendo un approfondimento sul rapporto fra Grillo e Paolo Barnard, grande giornalista, che ha dedicato la vita a questo tema, rimettendoci la carriera. Dateci un’occhiata, potreste trovarci più di un motivo di sorpresa e interesse.

Andrea Zucchi

0 0 votes
Article Rating
Notifiche
Notificami
guest
17 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Bedagì...
Bedagì...
2 Giugno 2012 17:49

Addirittura ti spaventa Milena? A me spaventano altre cose. Io sono critico, ma comunque speranzoso che M5S faccia qualcosa di buono. Ma non penso siano dei messia. Quello che dicono, dalla trasparenza all’ambientalismo, non l’hanno certo inventato loro. Tanti movimenti sostengono quelle tesi, tante liste civiche, anche qualcuno all’interno dei partiti è a favore della trasparenza, contro gli inceneritori etc… Se vuoi a me spaventa prendersi questa titolarità su temi che sono e sono sempre stati di tanti. Grillo non ha inventato niente, solo usato il suo megafono mediatico. Mi spaventano certe esternazioni di Grillo a carattere xenofobo. Mi spaventa… Leggi il resto »

milena
milena
2 Giugno 2012 10:11

Sinceramente a me spaventa vedere quante persone non hanno ancora capito nulla del movimento 5 stelle. Chiunque lo avesse capito lo voterebbe all’istante senza alcun dubbio o timore, perchè l’M5S non è un pericolo, è un miracolo. 1) C’è chi teme Grillo sia il neo-Mussolini: assurdità poichè Grillo non è candidabile nemmeno a consigliere comunale a causa delle stesse leggi del movimento, perciò non andrà mai al governo e non ha il controllo sul M5S, fidatevi, sembra l’abbia, ma se solo facesse qualcosa contro il volere del M5S verrebbe semplicemente messo da parte. I suoi non sono mai diktat, sono… Leggi il resto »

Everardo Dalla Borsa
andrea zucchi
28 Maggio 2012 18:51

“Se in Italia esiste Radio Pereira vuol dire che tanto male non siamo messi!” Che dire, grazie a nome di tutta la redazione, ci commuovi! Mi soffermo solo su un altro passo: “spendono soldi in ricerca”. Sono fermamente convinto che questo paese si salvi destinando soldi alla ricerca e…passando per la coscienza civile degli italiani, che interiorizzino il bello e l’utilità delle regole (troppi pensano ad esempio che l’evasione fiscale sia legittima difesa…) e sopratutto che i beni comuni sono di tutti e vanno difesi. Per il problema dei rifiuti ad esempio la soluzione primaria sarebbe la riduzione a monte,… Leggi il resto »

Chiara Innocenza
Chiara Innocenza
28 Maggio 2012 01:19

Che dire! Sono lusingata dalle attenzioni che mi avete rivolto e dalle informazioni che avete voluto condividere con me, tutti quanti: il dibattito è democrazia e crescita. Se in Italia esiste Radio Pereira vuol dire che tanto male non siamo messi! E spero che qualcuno che ha seguito il susseguirsi di commenti si sia soffermato a riflettere e sulle confortanti parole di Andrea e abbia fatto un pensierino alla democrazia partecipata che sogno, quella vera, senza “riciclaggi”. Per le discariche: posso definirmi ambientalista, direi quasi all’eccesso, anche se con il movimento civico di cui faccio parte non abbiamo mai dovuto… Leggi il resto »

andrea zucchi
andrea zucchi
27 Maggio 2012 18:40

Tutto vero quanto dite! Ed a Chiara esprimerei tutta la solidarietà possibile, visto che anche io da tanto vivo il mio civismo in associazioni, movimenti ed anche io ho fatto pure una lista civica, totalmente indipendente (spero non sia una di quelle brutte cui allude Federico!). Ciò che premeva dire a me era proprio, lo ribadisco, che quanto oggi sembra esser di monopolio di Grillo, in realtà è sulla bocca, nelle mani e nel cuore di tante persone da sempre. Persone legate alle loro città, e guidate dal solo senso civico a difesa dei beni comuni e dei diritti dei… Leggi il resto »

Gaioing
Gaioing
27 Maggio 2012 18:37

@Chiara Una discarica si esaurisce quando non c’è più posto per altri rifiuti, il che dovrebbe avvenire , da noi prov . di PU, tra 10 anni, considerando il ritmo di accrescimento annuale medio finora registrato. A questo punto il gestore o trova altro terreno circostante ed amplia la discarica, o ne trova altro altrove e ne apre un’altra, oppure propone l’inceneritore. Per limitare l’accrescimento e l’esaurimento delle discariche occorre pre-trattare i rifiuti e recuperarne alcune porzioni con trattamenti ad alto EROEI. Ciò significa che posso trattare il recupero di una tipologia di rifiuti purchè non debba investire troppo rispetto… Leggi il resto »

Federico Tamburini
Editor
27 Maggio 2012 10:01

Purtroppo nella città in cui vivo ho visto bruttissimi esempi anche di liste civiche. Mi riferisco a Fano (dove abito) e Pesaro (dove vivo). Comunque io non voterei Grillo (forse!) ma mi sembra che tutte le polemiche interne al movimento di questi giorni siano un bell’esempio di democrazia o che comunque facciano ben sperare in tal senso.

Chiara Innocenza
Chiara Innocenza
27 Maggio 2012 01:46

X il dibattito Gaioing, in realtà una specie di risposta a tutti i punti interrogativi che ho messo, l’avevo. Ed il tuo “teoricamente” ha fatto sì che coincidesse con la tua. Le perplessità però restano. Soprattutto dopo gli ultimi eventi: nella mia zona, un piccolo gruppo con bandiera e striscioni “5 stelle” ha cercato di boicottare un’assemblea del Pd. Nessuna conseguenza politica e dopo i primi screzi tutto è tornato alla normalità, ma dopo che il fatto è uscito sulla stampa il coordinatore di “5 stelle” della zona che ha precisato che il gruppetto non era né conosciuto né stato… Leggi il resto »

Gaioing
Gaioing
26 Maggio 2012 06:10

X il dibattito Un partito è gerarchizzato , un movimento è diffuso ed è retto dall’ assemblea ,anche se in esso esiste sempre il cosiddetto “direttorio”. In un partito la gerarchia autorizza la transazione finanziaria con le lobby, in un movimento la sua ampia diffusione la dovrebbe evitare…. teoricamente! Piuttosto occorre vedere che fine fanno i cosiddetti civici. Ho visto capi importanti di movimenti civici accasarsi coi partiti, dopo aver acquistato, coi movimenti, un certo peso politico e quindi valuto i movimenti civici sempre prendendomi molto tempo per vedere ciò che accade. Infine il movimento civico non è detto che… Leggi il resto »

Chiara Innocenza
Chiara Innocenza
25 Maggio 2012 02:01

Faccio parte di un movimento civico. E’ una piccola realtà, a livello provinciale: siamo quattro gatti attenti a quelle che sono le reali necessità della gente comune. Abbiamo proposte per la maggioranza e consiglieri all’opposizione. Abbiamo fatto tutto quello che, con gli strumenti della democrazia, potevamo: mozioni, petizioni, interrogazioni. Siamo “civici”: nella vita di tutti i giorni lavoriamo, studiamo, abbiamo famiglia, e passiamo il fine settimana ad ascoltare la gente e a fare foto per documentare i mali del territorio. Un territorio che conosciamo bene, perché ci siamo nati. Anche se non conosciamo a fondo le sue regole di “scuola… Leggi il resto »

trackback

[…] alle previsioni” con i miei benevoli lettori.Perciò dopo aver espresso auguri e dubbi sul M5S (sindaco m5s, a Parma non togliete il punto interrogativo)  vorrei provare a fare il Nostradamus sull’altro fronte della barricata, quella dei partiti. Si, […]

Ivan il Terribile
ivan il terribile
22 Maggio 2012 22:59

mi intrometto perchè va comunque sottolineato che Parma era veramente un caso particolare con buchi di bilancio mostruosi e città in rivolta da mesi; insomma, quanto più di vicino alla Grecia fatte le debite proporzioni…ovvio che la “prima” alternativa disponibile avrebbe avuto buone possibilità di successo, specie con questa legge elettorale
detto ciò in bocca al lupo a Pizzarotti ricordando che però oltre ai no, bisogna avere dei progetti alternativi, altrimenti non si va da nessuna parte e la mondezza poi la bruci per strada…ad esempio

Redazione
22 Maggio 2012 12:56

Il Movimento 5 Stelle a Parma non ha vinto, è che non ha ne perso ne pareggiato, senza se e senza ma.

andrea zucchi
andrea zucchi
22 Maggio 2012 12:55

Non è proprio così Federico. Anche io ho scritto che sicuramente sarebbe meglio una lista pulita di una legata alle cricche, ma fare il sindaco è forse la cosa più difficile di tutte, più che fare il parlamentare. I rischi grossi sono due: che faccia male, e che bruci il lavoro suo e del suo movimento. E se fa male, vedrai che campagna contro gli butterebbero su. L’altro rischio è che non riesca a scardinare le cricche già in piedi, e rimanga incastrato in qualcosa (e non intendo certo che si faccia corrompere, ma solo che non riesca ad interrompere… Leggi il resto »

Federico Tamburini
Editor
22 Maggio 2012 11:09

Però Andrea qualsiasi lista civica al di fuori di inciuci e di vecchi personaggi che si rimescolano non avrebbe l’esperienza per governare una città. Bene così, allora. Visto cosa fanno quelli che l’esperienza ce l’hanno ben vengano questi. Lo so che è un livello basso di ragionamento, ma questo è. E questo è ciò che comincia a pensare un sacco di gente.

andrea zucchi
andrea zucchi
22 Maggio 2012 10:55

Se devo essere sincero, da ottimista quale sono spero tantissimo che il giovane sindaco faccia bene. Sulla sua onestà e pulizia penso non ci siano dubbi. Sulla sua distanza dalle cricche pure. Sulla sua adeguata preparazione forse si. Fare il sindaco è un compito arduo, e la lista che lo supporta non ha ancora adeguata preparazione, temo. La gavetta non è stata fatta, ci sono solo consiglieri comunali di 5stelle in giro, e non è la stessa cosa. Nessun assessore ancora. Arrivare in un botto all’apice potrebbe essere pericoloso. La vecchia politica (di cui salvo veramente poco) aveva comunque l’esperienza… Leggi il resto »

Gaioing
Gaioing
22 Maggio 2012 10:01

L’esito di Parma mi ha sorpreso, anche se questa possibilità l’avevo contemplata pur ritenendola teorica.
Ora vedremo all’opera il M5S in una città di un certo peso.
Per ora mi conforta il fatto che non costruiranno l’inceneritore di rifiuti.
Da noi a Pesaro questa possibiltà è sempre più concreta,
visto che l’esaurimento medio delle ns discariche avverrà tra 10 anni.