Selezione Makkox settimanale. | Lunedì 28 febbraio

Gli insegnanti delle scuole pubbliche «inculcano idee diverse da quelle che vengono trasmesse nelle famiglie». Il premier riporta quanto disse nel 1994 in occasione del suo ingresso in politica. Berlusconi parlava del rischio che avrebbero potuto correre i genitori ai quali fosse stato impedito di scegliere per i propri figli una scuola privata in alternativa a quella statale.

Attacco alla scuola pubblica

Approfondimenti:
Berlusconi a tutto campo attacca scuola pubblica e unioni gay
Editoriale: Cose che non si può

0 0 votes
Article Rating
Notifiche
Notificami
guest
5 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
FRANCESCO BUFFA DESIGNER
FRANCESCO BUFFA DESIGNER
17 Aprile 2011 11:52

RISERVATO AGLI INSEGNANTI PUBBLICI PER EVITARE QUALSIASI DIFFUSIONE DEL COMUNISMO – COSA INSEGNARE A SCUOLA: (lettura consigliata alla famosa associazione delle mamme) PRIMA PUNTATA • Il premier ha sempre ragione specialmente se si chiama Berlusconi • Fra le frasi famose del premier ricordate la più intelligente: “nessuno può governare meglio di me!” • La legge è uguale per tutti tranne per il premier • Il premier non si processa perché ha cose più importanti da fare e in ogni caso è sempre innocente, se poi si abbassa fino al punto di giurare sulla sua famiglia – basta così! …. In… Leggi il resto »

MarinanirA
MarinanirA
8 Marzo 2011 20:51

INDECENTE! Ovviamente prima parla poi si smentisce, come fa sempre. Poverino, viene continuamente frainteso…

Gaioing
Gaioing
6 Marzo 2011 07:54

Berlusconi esalta il contenuto ideologico di una scuola di pura classe sociale (appunto la classe dei cattolici) ma l’istruzione vera è lontana anni luce da qualsiasi contenuto di quel tipo. Purtroppo in tutte le scuole, sia pubbliche che private, si predilige il determinismo al relativismo. Si studiano le prassi costanti e non quelle variabili. Si preferisce una tabellina mnemonica o una regola di grammatica all’abituarsi ad osservare fenomeni variabili e relativi.Si tende allo strutturato al destrutturato. Lo studente è portato a “calcolare” e non a “osservare”. In questo modo lo si porta a diventare un suddito. Comunque la scuola è… Leggi il resto »

federico tamburini
federico tamburini
5 Marzo 2011 20:33

Scusate ma di cosa parlate? Berlusconi non ha mai attaccato la scuola pubblica!! http://www.ilpost.it/2011/03/05/berlusconi-scuola-pubblica-3/

cesare
cesare
5 Marzo 2011 18:05

Bisognerebbe pagarli di piu’questi poveri insegnanti.
Un paese che non investe nell’istruzione e quindi nel futuro e’un paese che non ha futuro